I 7 principi dell’investimento – La volatilità è il prezzo da pagare

La volatilità è un fattore intrinseco dell’investimento finanziario e bisogna imparare a conviverci: è il prezzo da pagare per avere un extra-rendimento nel lungo periodo. Non dobbiamo darle più peso del necessario se si è fatto a monte un buon lavoro sulla gestione del rischio e si ha davanti un orizzonte temporale di lungo periodo.

 Buona visione!
 

Negli ultimi anni siamo sempre più bombardati da articoli sulla volatilità dei mercati e su cosa fare per combatterla.

Ma cos’è la volatilità e si può veramente ridurre o eliminare?

La volatilità è una misura della variazione del prezzo di uno strumento finanziario nel corso del tempo… quanto oscilla insomma.. Per esempio la volatilità storica misura quanto il prezzo di un titolo fluttua attorno alla sua media in un determinato periodo: maggiore lo scostamento dalla media, maggiore sarà la volatilità del titolo.

Che relazione c’è tra volatilità e rischio? Il rischio è la potenzialità che una nostra scelta su uno strumento finanziario (come comprare, vendere o la scelta di non fare nulla) porti ad una perdita. Che differenza c’è? Che la volatilità per sua definizione non prende in considerazione una perdita, totale o parziale del capitale inziale, mentre il rischio, proprio nella sua definizione, ingloba tale possibilità. Volatilità e rischio quindi NON sono la stessa cosa.

La volatilità può certamente portare a perdere il capitale se si è costretti o si sceglie di chiudere la posizione in un momento di elevata turbolenza dei mercati, ma ciò che determina nel lungo periodo il prezzo degli strumenti finanziari è l’analisi dei fondamentali. Società come Parmalat o Enron non sono certo fallite a causa delle loro quotazioni volatili.

Nel lungo periodo è necessario valutare attentamente il rischio dell’investimento e gestirlo al meglio. Lo spiega bene anche Warren Buffett nella sua lettera annuale agli azionisti, in cui dice che i momenti di ribasso delle quotazioni non sono importanti. Il focus degli investitori di lungo periodo dovrebbe rimanere fisso sull’ottenere aumenti significativi del potere d’acquisto durante la vita dell’investimento.